Seo journalism

& Blogging

seo journalism

& blogging

La SEO non è solo metriche o parametri, specialmente se si fa informazione.

Ho seguito webinar, partecipato a workshop e letto articoli e libri sul giornalismo ai tempi della SEO. Parole chiave, alt tag, H 123456789.

E' vero, non si discute: senza un minimo di SEO Google non ti vede. Ma focalizzarsi solo sui numeri è un errore gravissimo perché a leggere gli articoli sono persone, non macchine.

Poi, parliamone, di questi tempi non è nemmeno semplice trovare persone che abbiano voglia di lettere, chissà in quanti proprio ora stanno già guardando solo le immagini di questa pagina.

 

Una doverosa parentesi sulla SEO

 

La SEO però non sono solo numeri e metriche. Si indicizza più semplicemente un articolo che ha numerose condivisioni rispetto ad uno che ha tutti i semaforini verdi su Yoast. Già, perché Google lo vede se i tuoi articoli o i tuo sito viene condiviso e per il motore di ricerca il fattore più importante è proprio il giudizio degli utenti.

Quindi per fare SEO ricorda la keyword in prima posizione nell'H1, inseriscila nell'introduzione e utilizzala nei sottotitoli, non tutti. Non superare la densità del 6% nel testo, mettila nell'alt immagine e usa sinonimi.

Ma più importante:

  • scrivi articoli di valore;
  • racconta qualcosa che la gente non sa;
  • fai affezionare i lettori alle tue storie;
  • SCRIVI BENE!

Una testata locale che fa a spallate con Forbes Italia

Magari tu non la conosci ancora, ma ne parlano davvero tutti. Ho intervistato Imen Jane per Sempionenews.it, una testata locale che si occupa di diffondere i valori del territorio tra Milano e Varese. Ecco, il mio articolo è al primo posto in serp, ogni tanto scavalcato da Forbes, ma sempre per poco.

In questo articolo c'è una SEO davvero basica, giusto l'ABC per dire a Google che ci sono pure io.

E quindi? Formule magiche? No, tempo di permanenza. Questo articolo ha una percentuale altissima di lettura completa e un buon tasso di condivisione. Per i motori di ricerca questo vuol dire che il mio è un contenuto di qualità, senza nulla togliere a Forbes (ciao amici), e mi mantiene come primo risultato.

Ora gonfio un po' il petto e faccio un elenco di chi in serp è sotto sempionenews.it con la stessa intervista:

  • Forbes Italia
  • Repubblica
  • Vanity Fair
  • Donna Moderna
  • Ansa.it

In seconda pagina ci sono altre testate illustri. Clicca qui per leggere l'articolo completo.

Storydoing > storytelling.

Premetto: adoro lo storytelling. Invento storie anche per scrivere la lista della spesa, se leggete gli articoli nella sezione blog troverete un ristorante di pesce che si chiama Branzo al Sacco e un negozio di Cover, Voice cOver. Tutte realtà inventate ad hoc per spiegare concetti e guidare il lettore dall'inizio alla fine del pezzo.

Spesso, quando la tematica è particolarmente ricca, è fondamentale un filo di Arianna  a cui fare aggrappare l'attenzione del lettore.

MA lo storydoing ha i super poteri.

Un lettore troverà sempre interessante l'esperienza di un intervistato per trovare le informazioni che cerca e sta al giornalista o blogger riuscire a fare emergere quei valori che davvero fanno la differenza. E questi non hanno nulla a che fare con parole chiave o SEO.

 

seo journalism
seo journalism

A sinistra Sabrina, a destra Bakari.

Nel primo caso ho sfruttato  la keyword "andare a studiare a londra", una coda lunga, per il blog di viaggi Onemag.it. Ho intervistato Sabrina e mi sono completamente estraniato dal testo, lasciando spaio solamente alle sue parole. Racconta la sua esperienza e nessuna guida può essere valida come l'esperienza diretta. Gli utenti lo sanno e la scelta è stata premiata. Onemag.it è in prima pagina su Google con questo articolo, insieme a siti istituzionali e blog del calibro di Zingarate.it.

Bakari invece è un atto di puro giornalismo. Ai tempi c'era la polemica SPRAR, i migranti distribuiti per le città e i paesi d'Italia (in soldoni). Bene, al posto di fare l'ennesimo articolo che racconta alla larga dei migranti e farcirlo di polemica politica, sono andato in un centro e suonato il campanello.

Sì salve buongiorno vorrei intervistare i migranti.

Ho raccontato le storie di due ragazzi che dall'Africa centrale sono arrivati in Italia, passando per il Mediterraneo. Un viaggio disperato, ma un modo autentico per capire cosa spinge delle persone ad un'azione del genere.

Beh, ora il trend è passato e chissà dove è finito l'articolo, ma quando è stato pubblicato è stato letto in tutta Italia. Sempre sempionenews.it.

Clicca qui per leggere l'articolo su Sabrina a Londra

Clicca qui per leggere del viaggio di Bakari

Seo blogging e piano editoriale

Sempre per Onemag.it ho steso un piano editoriale, il primo, volto alla creazione di un contesto per il target e  all'indicizzazione.

Proprio l'analisi del target è stato il lavoro più meticoloso: ho individuato sei tipi di pubblico con cui avviare una condivisione di articoli ad hoc per loro.

I risultati non si sono fatti attendere, la scalata è stata vertiginosa, questo grazie anche al lavoro svolto dal webmaster che ha curato alla perfezione tutto la SEO offsite.

Purtroppo non c'è stato modo di continuare la collaborazione, sono stati tanti i fattori che hanno influito, ma è un progetto a cui sono molto affezionato. 

Il piano editoriale si è basato, oltre che sull'analisi del target, su diversi dataset che mi hanno consentito di cogliere quali fossero le esigenze della nostra potenziale audiance.

In meno di 6 mesi siamo arrivati a sfiorare le 3mila visite al giorno.

Una conclusione personale

Negli ultimi anni mi sono innamorato della scrittura. Sono entrato nell'Ordine dei Giornalisti e ho pubblicato più di 500 articoli. Collaboro con aziende in diverse forme, ma la scrittura è ciò che più mi entusiasma.

Ho imparato che l'indicizzazione non deve essere la causa della produzione di contenuti, bensì la conseguenza dell'applicazione di diverse pratiche.

Se si inizia a scrivere un testo per essere in prima posizione, non ci arriverai mai. Se scrivi un contenuto volto a dare un valore al tuo lettore, rispettando le esigenze di Google, la sfida può cominciare.